#tifiamoeuropa

Piccoli europei


Squadra gemellata: Danimarca
Istituto comprensivo di Cividale, Scuola media "Elvira e Amalia Piccoli" Cividale

Comune: Cividale del Friuli – Provincia: Udine

N. Interazioni Social 46

L'ECO DELLA SIRENETTA

                                                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                   by Marta - III E
                                                                                                                                                                               

Il team "Piccoli europei" ha deciso di presentarvi quello che ha creato con la fantasia, ispirandosi alla Danimarca. 

Buona lettura! wink

Dopo aver incontrato Matteo Corradini, vincitore del Premio Andersen 2018,

e aver ascoltato l'archeologa Lorena Cannizzaro sull'alfabeto germanico,

la I D ha ideato una fiaba con personaggi e oggetti dei racconti di Hans Christian Ardensen e i simboli delle rune estratte a sorte.

Speriamo vi piaccia! yes

C’era una volta la Regina delle Nevi che voleva conoscere il suo destino.

Un giorno, mentre stava passeggiando con il suo fedele soldatino di stagno, incontrò un suddito che si stava occupando del raccolto dei campi e gli chiese le tasse del giorno. Lui rispose: ”Oggi non ho i soldi, ma la natura mi ha dato un dono, quello di prevedere la continuità della vita. Maestà, sediamoci sotto la quercia e ascolta la mia profezia“. Lei acconsentì. 

Mentre il sole brillava alto nel cielo, l’uomo predisse che il regno sarebbe stato attaccato  da un guerriero straniero. La regina, spaventata, tornò al castello e chiese consiglio al giardiniere che conosceva bene i poteri dei fiori che donavano forza a chi beveva una pozione creata da lui. Per rendere la sovrana invincibile, il giovane le consegnò una monetina d’argento che l’avrebbe protetta per tutta la sua missione perchè, sul davanti, c'era il volto del dio Tyr, che infondeva coraggio, e, sul retro, un bucaneve.

Il tempo passava e il soldatino, preoccupato per il destino della regina, pregava ogni sera affinché il nume le desse forza, ricchezza e salute per tutta la vita.

Dopo alcuni mesi, giunse alle porte del regno un guerriero feroce che minacciava di attaccare il castello. A quel punto, il giardiniere prese il bucaneve e la margherita più belli e preparò una bevanda magica. 

Un giorno il nemico, desideroso degli averi della regina, si nascose nel magazzino del maniero, rovinando il raccolto dell’annata. La sovrana, sentendo dei rumori provenire dal deposito, si fece scortare dal soldatino che si accorse che il sole rifletteva su un oggetto metallico.

All’improvviso, uscì il guerriero che indossava un‘armatura lucente e si scagliò contro la regina. Il soldatino cercò di proteggerla, ma rimase ferito e fu portato via dai compagni, accorsi appena udirono delle grida. 

La sovrana si rese conto di essere sola di fronte al nemico e si ricordò la profezia. Per darsi coraggio, strinse con la mano destra la monetina; poi, notò in giardino due piccoli anatroccoli.

Il guerriero cercò di lanciarle una freccia avvelenata che, però, venne deviata da un usignolo. In soccorso della regina arrivarono i due anatroccoli che, all’improvviso, diventarono due bellissimi cigni bianchi e le consegnarono la pozione magica.

La campana della chiesa del castello suonò mezzogiorno e la regina capì che era arrivata l’ora del duello finale. Il guerriero cercò di sorprenderla alle spalle, ma lei se ne accorse e decise di bere il liquido creato dal giardiniere. In quel momento la sovrana si trasformò in un fiore bianco come la neve e forte come una quercia. Il nemico, sorpreso, cercò di strapparlo dal terreno, ma non ci riuscì.

All’improvviso apparve il dio TYR che fece ritornare la regina umana e le donò un’armatura di diamanti e una spada di ghiaccio. L'avversario, allora, cercò di colpirla, ma, dopo un lungo duello, lei riuscì a sconfiggerlo e lo fece scortare dai suoi soldati nelle segrete del castello.

Da quel momento la sovrana continuò a regnare con, al suo fianco, il suo fedele soldatino che, per festeggiare la vittoria, le regalò un paio di scarpette rosse.

Bravi i nostri compagni, vero? wink Ma andiamo avanti! 

Lo sapevate che i "Lego", mitici mattoncini colorati, sono stati creati in Danimarca nel 1916?

                                                                                      In mostra a Trieste

 

Molti di noi sono appassionati e creano oggetti e ambientazioni di fantasia come potere ammirare nelle nostre foto.

                                                                                                                                                              Raffaele O. 

 

 

                                                                                                                           Cosimo

                        

                                                                                                                                                              Elia
                                                                                                                                                      
                                                                                                                                                                                         Chiara 

Siamo arrivati alla fine!

Speriamo che il lavoro vi sia piaciuto e che vogliate condividerlo.

Abbiamo capito che ogni nazione è unica, ma che, conoscendoci, possiamo scoprire molti punti in comune!

Avete notato che i colori della bandiera danese e di quella di Cividale sono gli stessi? 

Noi siamo emozionati al pensiero di vivere insieme l'atmosfera delle partite, per cui ora urliamo tutti "FORZA DANIMARCA!"

 

in collaborazione con

Amadori-logo210x120